• Pubblicata il:
  • Autore: DOTT. MAURO
  • Categoria: Racconti etero
  • Pubblicata il:
  • Autore: DOTT. MAURO
  • Categoria: Racconti etero

FUMO E DISFUNZIONE ERETTILE – 1^ puntata

Il fumo di sigaretta può danneggiare molte parti del nostro organismo. Le sostanze chimiche presenti nel fumo di sigaretta danneggiano il rivestimento dei vasi sanguigni e peggiorano il loro funzionamento. Queste sostanze danneggiano il cuore, il cervello, i reni e altri tessuti in tutto il corpo, anche il nostro così amato pene!
Il rischio è dovuto agli effetti delle sigarette sui vasi sanguigni. L'erezione si verifica quando le arterie si espandono e si riempiono di sangue dopo aver ricevuto segnali dai nervi del pene. I nervi rispondono ai segnali di eccitazione sessuale del cervello. Perciò anche se il sistema nervoso funziona bene, un'erezione potrebbe non essere fisicamente possibile se i vasi sanguigni non sono sani a causa del fumo.
Oltre ai ben noti effetti dannosi del fumo di tabacco (per esempio malattia coronarica e carcinoma polmonare), negli ultimi è emerso un inconfutabile oceano di prove della relazione tra tabagismo e disfunzione erettile. Il principale meccanismo fisiologico interessato include l'ossido nitrico. Poiché la fisiologia dell'erezione è fortemente dipendente dai cambiamenti vascolari, ed il fumo di sigaretta può portare a disfunzione cardiovascolare, il fumo è un fattore di rischio indipendente per lo sviluppo della disfunzione erettile. E questo deve diventare un obiettivo terapeutico mirato anche nel campo della medicina sessuale, indipendentemente dai benefici per la salute più importanti ottenuti dopo la cessazione del fumare.
GLI EFFETTI DEL FUMO SULLA DISFUNZIONE ERETTILE DIPENDONO DALLA DOSE
Il fumo di sigaretta è senza dubbio un determinante fattore di rischio per innumerevoli gravissime o mortali malattie, ma anche per il disturbo della disfunzione erettile. Gli studi americani sui pazienti hanno mostrato una differenza significativa quando gli uomini fumavano più di 10 sigarette al giorno.
Nei test su una popolazione giovane, i forti fumatori (+ di 20 sigarette/giorno) avevano raddoppiato la probabilità di sviluppo dell'impotenza rispetto a quelli che fumavano meno, testimoniando che la storia cumulativa del fumo era fondamentale nell'insorgenza di questo disturbo.
Indici cumulativi come il numero di sigarette al giorno fumate durante un intero anno (pack-year), erano correlati ad un rischio più elevato. Cioè che un cumulo 29 pack-year era responsabile di un rischio significativamente aumentato per la disfunzione erettile rispetto a meno di 12 pack-year che comportava lo stesso rischio di un non fumatore.  Con risultati simili, altri studi hanno rilevato che era solo a una soglia di 20 pack-year lo sviluppo della disfunzione erettile diventava significativa. Tuttavia, un precedente studio all'epoca della guerra in Vietnam non aveva mostrato una tale relazione dose-dose.

CONTINUA

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!